BAZZARA - Lo Sapevi...

Cultura Del Caffe

caffe espresso

crema aroma corpo e gusto

 

Quali sono le caratteristiche principali del caffè espresso?

La crema, l’aroma, il corpo e il gusto sono le quattro caratteristiche inconfondibili dell’espresso. Un'arte tutta Made in Italy.

Cos'è la crema del caffè espresso?

La crema è la schiuma che ricopre ogni buon espresso, spessa circa 3-4 mm, permette di trattenere le sostanze volatili. Una crema di colore nocciola tendente al rossiccio, con striature testa di moro e di trama composta da maglie fini, indica una miscela composta principalmente da Arabica. Se nella miscela predomina la Robusta, la crema sarà di color marrone accompagnata da toni grigi e dotata di uno spessore più elevato delle maglie, con bolle più larghe.

Come percepiamo l'aroma del caffè?

L’intensa sensazione olfattiva che l’espresso diffonde, è l’aroma. Esso viene dato dallo sprigionarsi di centinaia di sostanze aromatiche che per analogie si possono associare ad aromi di fiori, di liquirizia così come frutta appassita...

Cos'è un caffè corposo?

La corposità è la sensazione di densità, dovuta alla presenza di emulsioni oleose e sostanze insolubili presenti nell’espresso. Queste sostanze conferiscono alla bevanda una notevole viscosità e una superlativa carica di aroma e di “corpo”. Il gusto dell’espresso dev’essere equilibrato, armonico, in cui non prevalga un singolo sapore, a meno che non sia una scelta mirata.

Quali sono i parametri di base per ottenere un espresso Italiano perfetto?

Il caffè espresso all’italiana viene creato grazie a precisi parametri:

  • Si utilizzano 6,5–7 grammi al massimo di caffè sapientemente tostato e macinato adeguatamente.
  • Il caffè va macinato e pressato al momento (con l’apposito pressino) nel filtro con una forza di 15-23 kg.
  • L’acqua ha una pressione di circa 9 atmosfere e una temperatura che va da 88° a 92°C.
  • Il tempo di contatto ideale nella macchina del caffè, tra l’acqua calda ed il caffè macinato, va da 20 a 30 secondi; la bevanda ottenuta ha un volume che va dai 25 ai 35 cc.
  • Infine per l’espresso viene utilizzata una tazza di porcellana bianca, che deve essere sempre ben calda (40°C) e asciutta.
scritte parametri 19
 
scritte parametri 19
 
scritte parametri 19
 
scritte parametri 19
 
scritte parametri 19
 

cappuccino

latte lattiera lancia lavorazione latteart

 

Cosa sono le 5 'L' del cappuccino?

Un cappuccino che rispecchi pienamente la tradizione italiana ha origine in primo luogo dalla preparazione di un espresso eccellente e in secondo luogo dalla lavorazione meticolosa del latte montato. Vista l’utilit di una sigla efficace come quella delle “6 M” che nell’ambito del mondo professionale facilita la diffusione di regole cardine della caffetteria, riteniamo imperativo estendere lo stesso metodo alla più amata e popolare ricetta a base di caffè espresso, il cappuccino italiano, tramite la semplice formula delle “5 L”: Latte, Lattiera, Lancia, Lavorazione, Latte Art.

Perche sono importanti per preparare un perfetto cappuccino?

Latte
Come si vuol dire, chi ben comincia è a metà dell’opera”: se la prima M del caffè espresso è indiscutibilmente la Materia prima, vale a dire la M di Miscela, con la stessa logica, per il cappuccino è indubbiamente la L di Latte. Questo elemento vitale merita un attenta valutazione nella scelta della sua tipologia e del suo utilizzo professionale.

Lattiera
uno strumento operativo fondamentale per la buona riuscita di un cappuccino e allo stesso tempo una componente poco considerata, proprio a causa della sua semplicità. I formati necessari, il giusto materiale e spessore delle lattiere, la geometria complessiva del bricco e quella specifica del suo beccuccio, diventano materia di approfondimento.

Lancia
Senza una corretta potenza e tipo di vapore, la montatura del latte risulta inadeguata, ma bisogna fare attenzione anche alla forma del vaporizzatore, alla sua snodabilità e a una particolare conformazione dell’ugello.

Lavorazione
Preparare un cappuccino dall’aspetto classico, dalla tessitura fine, dotato di una consistenza vellutata e dal profilo organolettico auspicato, non è così facile come sembra. In questo si devono apprendere e seguire scrupolosamente determinati metodi nelle diverse fasi della lavorazione e del versamento del latte montato.

Latte Art
Grazie a una precisa tecnica e alla creatività, un cappuccino si può trasformare in una personalissima espressione d’arte. Rappresenta per il barista professionista il coronamento di un percorso formativo fatto prima di conoscenze teoriche e in seguito di molta esperienza pratica.

In definitiva, per servire un cappuccino che rispetti perfettamente lo stile Made in Italy, è sempre più importante considerare, oltre alle 6 M del caffè espresso, anche le peculiari 5 L del cappuccino italiano.

scritte 5l 06
 
scritte 5l 07
 
scritte 5l 08
 
scritte 5l 09
 
scritte 5l 10
 

 

Vuoi approfondire nel affascinante mondo del caffè?

Siamo qui per te!

mediabox C 1mediabox B 2
 

 

LA CULTURA DEL CAFFÈ

fiore linea 01

 

Espresso

 

La crema, l’aroma, il corpo e il gusto sono le quattro caratteristiche inconfondibili dell’espresso. Un'arte tutta Made in Italy. La crema è la schiuma che ricopre ogni buon espresso, spessa circa 3-4 mm, permette di trattenere le sostanze volatili. Una crema di colore nocciola tendente al rossiccio, con striature testa di moro e di trama composta da maglie fini, indica una miscela composta principalmente da Arabica. Se nella miscela predomina la Robusta, la crema sarà di color marrone accompagnata da toni grigi e dotata di uno spessore più elevato delle maglie, con bolle più larghe.

L’intensa sensazione olfattiva che l’espresso diffonde, è l’aroma. Esso viene dato dallo sprigionarsi di centinaia di sostanze aromatiche che per analogie si possono associare ad aromi di fiori, di liquirizia così come frutta appassita...

La corposità è la sensazione di densità, dovuta alla presenza di emulsioni oleose e sostanze insolubili presenti nell’espresso. Queste sostanze conferiscono alla bevanda una notevole viscosità e una superlativa carica di aroma e di “corpo”. Il gusto dell’espresso dev’essere equilibrato, armonico, in cui non prevalga un singolo sapore, a meno che non sia una scelta mirata.

Il caffè espresso all’italiana viene creato grazie a precisi parametri:

 

Si utilizzano 6,5–7 grammi al massimo di caffè sapientemente tostato e macinato adeguatamente.

Il caffè va macinato e pressato al momento (con l’apposito pressino) nel filtro con una forza di 15-23 kg.

L’acqua ha una pressione di circa 9 atmosfere e una temperatura che va da 88° a 92°C.

Il tempo di contatto ideale nella macchina del caffè, tra l’acqua calda ed il caffè macinato, va da 20 a 30 secondi; la bevanda ottenuta ha un volume che va dai 25 ai 35 cc.

 

Cappuccino

 

Un cappuccino che rispecchi pienamente la tradizione italiana ha origine in primo luogo dalla preparazione di un espresso eccellente e in secondo luogo dalla lavorazione meticolosa del latte montato. Vista l’utilit di una sigla efficace come quella delle “6 M” che nell’ambito del mondo professionale facilita la diffusione di regole cardine della caffetteria, riteniamo imperativo estendere lo stesso metodo alla più amata e popolare ricetta a base di caffè espresso, il cappuccino italiano, tramite la semplice formula delle “5 L”: Latte, Lattiera, Lancia, Lavorazione, Latte Art.

 

Latte
Come si suol dire,chi ben comincia è a metà dell’opera”: se la prima M del caffè espresso è indiscutibilmente la Materia prima, vale a dire la M di Miscela, con la stessa logica, per il cappuccino è indubbiamente la L di Latte. Questo elemento vitale merita un attenta valutazione nella scelta della sua tipologia e del suo utilizzo professionale.

Lattiera
uno strumento operativo fondamentale per la buona riuscita di un cappuccino e allo stesso tempo una componente poco considerata, proprio a causa della sua semplicità. I formati necessari, il giusto materiale e spessore delle lattiere, la geometria complessiva del bricco e quella specifica del suo beccuccio, diventano materia di approfondimento.

Lancia
Senza una corretta potenza e tipo di vapore, la montatura del latte risulta inadeguata, ma bisogna fare attenzione anche alla forma del vaporizzatore, alla sua snodabilità e a una particolare conformazione dell’ugello.

Lavorazione
Preparare un cappuccino dall’aspetto classico, dalla tessitura fine, dotato di una consistenza vellutata e dal profilo organolettico auspicato, non è così facile come sembra. In questo si devono apprendere e seguire scrupolosamente determinati metodi nelle diverse fasi della lavorazione e del versamento del latte montato.

Latte Art
Grazie a una precisa tecnica e alla creatività, un cappuccino si può trasformare in una personalissima espressione d’arte. Rappresenta per il barista professionista il coronamento di un percorso formativo fatto prima di conoscenze teoriche e in seguito di molta esperienza pratica.

In definitiva, per servire un cappuccino che rispetti perfettamente lo stile Made in Italy, è sempre più importante considerare, oltre alle 6 M del caffè espresso, anche le peculiari 5 L del cappuccino italiano.

libri bazzara

 

 

 

Chi Siamo Privacy | Contattaci

fiore linea 01 

bazzara espresso facebook bazzara espresso twitter bazzara espresso google bazzara espresso youtube 

Copyright ©  2015 Bazzara S.r.l.