I colori del caffè

Il caffè viene di solito associato a un colore scuro simile al nero, tipico della bevanda che si ottiene dai chicchi tostati. In realtà i colori legati al caffè sono molti, diversi per ogni fase del ciclo di vita della pianta e della bevanda.

Verde scuro come la pianta del caffè. La pianta del caffè è un arbusto sempreverde dalle foglie di un colore verde scuro e brillante.

Bianco come il fiore. I fiori sono bianchi, con i petali allungati. Nascono a grappolo e dopo la fioritura lasciano il posto in pochi giorni ai frutti.

Rosso e giallo come il frutto. I frutti, chiamati drupe e dalla forma simile a quella delle ciliegie, quando maturano possono assumere tonalità dal rosso al giallo. Il colore dipende dalla specifica varietà, ad esempio le drupe del Yellow Bourbon diventano gialle, mentre quelle del Red Bourbon diventano rosse.

Verde chiaro come i chicchi crudi. La loro tonalità cambia da un verde chiaro brillante quando sono stati appena raccolti a un colore leggermente più pallido dopo l’essicazione. Recentemente abbiamo parlato dei benefici del caffè verde, scoprili qui.

Marrone come i chicchi tostati. Durante la tostatura, il chicco assume diverse sfumature di marrone, dal caramello a un marrone scuro intenso. Il diverso colore dipende dalla durata e dalla temperatura alla quale avviene la tostatura, caratteristiche che produrranno un sapore diverso nella tazzina.

Nocciola come la crema dell’espresso a regola d’arte. Il colore della tipica crema dell’espresso cambia in base alla miscela. Un espresso 100% Arabica ha una crema color nocciola con riflessi rossicci, mentre una miscela con Robusta produce una crema più scura.

Nero come la bevanda. Il nero è il colore per antonomasia associato al caffè, perché è il colore scuro tipico della bevanda. Ad esempio, a Trieste se al bar si ordina un “nero”, si vuole bere un espresso!

Ma nel mondo del caffè, i colori hanno un ruolo importante anche quando si parla di confezioni dei prodotti. In questo caso entra in gioco la psicologia del colore, che definisce il colore come una sensazione recepita dal cervello che provoca determinati sentimenti ed emozioni. A causa delle nostre esperienze personali e della nostra cultura, tendiamo ad associare i vari colori con determinate immagini e sensazioni.

Ad esempio, giallo, arancione e rosso sono percepiti come caldi perché associati al sole e al fuoco, di conseguenza anche ad emozioni forti come la passione e la vitalità. Blu, verde e viola sono invece considerati colori freddi ed associati a sensazioni di tranquillità, serietà ed eleganza.

Ogni miscela Bazzara è associata a un colore in base alle sue caratteristiche. Vediamole nel dettaglio:

Piacerepuro è la miscela pensata per gli esperti più esigenti. Il colore azzurro comunica qualità ed eleganza.

Grancappuccino è nata per soddisfare gli amanti del cappuccino. Il suo sapore dolce, corposo e caratterizzato da una base di frutta fresca richiama il calore caldo dell’arancione.

Aromamore è dedicata agli intenditori dell’espresso italiano. Il viola della confezione richiama la raffinatezza.

Dolcevivace è una miscela bilanciata composta per metà da Arabica e per metà da Robusta. Il verde richiama il piacevole equilibrio dei sapori e la ricchezza degli aromi.

Gustoitaliano è pensato per chi cerca la massima resa di crema e gusto. Il colore rosso richiama il gusto deciso e le tonalità olfattive intense.