Le 5L del Cappuccino Italiano

Per un cappuccino perfetto ci sono alcune regole da seguire. Queste sono definite le 5L del Cappuccino Italiano e sono: Latte, Lattiera, Lancia, Lavorazione, Latte Art.

Il cappuccino italiano è tra i prodotti più conosciuti nel panorama enogastronomico italiano. La sua origine tuttavia, non è propriamente nostrana: sembrerebbe che già nel 1660, Johan Nieuhof, un ambasciatore olandese in Cina, sperimentò una nuova bevanda aggiungendo al caffè, un poco di latte.

La storia tuttavia è scritta dai molti ed è per questo che un altro possibile antenato del cappuccino è Franz Georg Kolchitzky. Fu lui a rendere possibile la liberazione di Vienna dall’assedio ottomano.

Durante la ritirata dei turchi, vennero lasciati presso gli accampamenti un gran numero di sacchi di caffè che Kolchitzky prese come unica ricompensa per l’eroico gesto.

Ai viennesi il caffè alla turca però non piaceva così Kolchitzky aggiunse alla bevanda, nera e polverosa, alcune gocce di latte. Inoltre, iniziò a filtrarlo così che potesse diventare più limpido.

Altre fonti invece attribuiscono ad un celebre medico francese Sieur Monin, l’ideazione del cafè au lait composta da latte, caffè e zucchero.

Nessuna di queste preparazioni, sopra elencate, può essere associato al nostro cappuccino italiano, poiché non possono essere definite tali prima dell’invenzione della macchina da caffè espresso!

Il cappuccino è la miscela di latte e caffè per eccellenza, bisogna però ricordare che non esiste senza un perfetto espresso.

La tradizione italiana lo vuole composto da 100-140 ml di latte fresco e intero, montato a regola d’arte e versato in parti uguali di liquido e crema su 25-30 ml d’espresso contenuto in una tazza da 150-200 ml

Il cappuccino italiano è composto dal classico bordo marrone di espresso chiamato “anello” o “corona”. Per realizzare quindi un cappuccino italiano è sufficiente rispettare le “regole auree”.

1L • Latte

Il latte deve essere sempre fresco e freddo (4°C). Il migliore è quello intero, non UHT

2L • Lattiera

l’ideale è una 18/10 dalla forma tronco conica con beccuccio non troppo pronunciato, tenuta sempre fredda. Deve essere riempita mai oltre la metà.

3L • Lancia

questa deve erogare vapore in maniera costante, con una pressione di circa una atmosfera

4L • Lavorazione

Prima di mota il latte a crema, poi si prepara l’espresso mentre il latte si ossigena. L’ugello della lancia vapore va posizionato nella lattiera in modo tale da imprimere un flusso a “vortice costante”. La lavorazione inizia montando il latte quasi a freddo e prosegue riscaldandolo fino a una temperatura piacevole al palato e nel contempo raffinando la tessitura della schiuma.

5L • Latte Art

Per preparare cappuccini artistici è basilare avere due lattiere, una con un beccuccio stretto ben definito e un’altra più piccola per i travasi della micro-schiuma in eccesso. Prima di versare il latte va perfettamente amalgamato.

Per scoprire tutti i segreti del cappuccino italiano acquista il nostro libro: CAPPUCCINO ITALIANO LATTE ART.

Le ultime dal Blog

Bazzara Espresso con il Venjulia Rugby Trieste per la stagione 2021/2022

Le due realtà intraprenderanno un’appassionante collaborazione che le vedrà unire i propri universi per offrire nuove opportunità agli atleti e nuove esperienze a tutti i tifosi. Come parte dell’accordo, il marchio Bazzara Espresso comparirà in ESCLUSIVA sulle maglie della Under 17 maschile, e sul calzoncino della selezione femminile per tutta la stagione 2021/22. “Trieste è la Capitale del Caffè e per questo abbiamo voluto anzi, preteso che fra i nostri partner ci fosse una eccellenza del settore, una volta incontrato Franco (Bazzara ndr), l’intesa è stata immediata. Sono bastate due “ciacole” davanti ad un ottimo caffè per capire quanto sia stata scontata l’intesa tra il Venjulia e Bazzara” Dichiara Maurizio Box Presidente del Venjulia Rugby Trieste

Formato 250gr: la scelta vincente della Bazzara Espresso

Formato 250gr: la scelta vincente di ampliare i formati consumer della Bazzara Espresso  È ormai da qualche mese che la Bazzara Espresso, la torrefazione triestina, ha ampliato il proprio range di offerta anche ai formati 250gr: tutte le miscele e le monorigini presenti nel catalogo della torrefazione sono disponibili sia all’interno dell’e-commerce dedicato ai consumatori italiani sia per il canale B2B rivolto ai clienti esteri. La scelta di ampliare il proprio catalogo si è confermata una scelta vincente, riscuotendo un ottimo successo sia “in casa” che all’estero: in più, tutti i formati 250gr prevedono 3 gradi di macinatura per rendere così ogni miscela adatta alla giusta estrazione. Che sia quindi grani, macinato moka, filtro o french press, il consumatore finale italiano ha così la possibilità di degustare con la consueta massima freschezza di tostatura ogni blend o monorigine disponibile. “Anche i nostri clienti all’estero hanno confermato che questa varietà di formati è stata una scelta valida” riporta Andrea Bazzara, Sales Export Manager dell’azienda, “i loro clienti a loro volta hanno trovato in questa varietà di opzioni un riscontro molto positivo. Non è così comune trovare ad oggi sul mercato una così ampia scelta di formati, miscele e macinature, ma per noi è importante che i nostri clienti, siano essi esperti di caffè o coffee lovers, trovino nella nostra offerta una risposta a tutti i loro desideri di degustazione dei nostri prodotti.”

Torna al Blog